Italianistica post-coloniale
Il pensiero itinerante/Speciali

Italianistica post-coloniale

di Paolo Valesio L’italianistica negli Stati Uniti (e non solo) sta attraversando una situazione di emergenza: sembra entrata in una stagione che ha aspetti post-coloniali. Forse questa è la giusta nemesi di un passato (prima parte del secolo scorso) in cui l’italianistica americana era “colonizzata” da quella italiana – in cui cioè sembrava cosa naturale che … Continua a leggere

Filippo Tommaso Marinetti, l’aeropoeta di Venezia
Recensioni/Saggi

Filippo Tommaso Marinetti, l’aeropoeta di Venezia

di Stefano Bragato  Filippo Tommaso Marinetti, Venezianella e Studentaccio, a cura di Patrizio Ceccagnoli e Paolo Valesio, Milano, Mondadori, 2013. Credo che i romanzi postumi siano sempre un po’ una sfida. Avere sotto gli occhi un manoscritto orfano, pulito o pasticciato che sia, insinua sempre l’ineluttabilità di una scelta. Che fare? Liberarlo dagli scaffali del suo … Continua a leggere

Vera Lúcia de Oliveira, “La carne quando è sola”, premessa di Paolo Valesio, prefazione di Alessio Brandolini, Firenze, Società editrice fiorentina, 2011
Poesia/Recensioni

Vera Lúcia de Oliveira, “La carne quando è sola”, premessa di Paolo Valesio, prefazione di Alessio Brandolini, Firenze, Società editrice fiorentina, 2011

di Sebastiano Aglieco Le cose, a volte, sono belle e felici: “il mare azzurro d’estate il vento/fra i corridoi il bianco delle case illuminate dal sole”, p. 15. Poi, improvvisamente, esse “si mettono a soffrire, “come se si fossero pentite della loro felicità”. Ecco allora il regno della caducità e dello sfiorire; nemmeno l’amore si salva, … Continua a leggere

“Il pensiero itinerante” 3, a cura di Paolo Valesio
Il pensiero itinerante/Recensioni/Speciali

“Il pensiero itinerante” 3, a cura di Paolo Valesio

Manhattan,  14 dicembre 2010 Il New York Times di ieri riportava un articolo su un giovanotto  che, reagendo a una delusione amorosa con implicazioni  immobiliari  (aveva comprato un appartamento  a Manhattan insieme con la fidanzata, ma poi aveva dovuto lasciarlo quando il rapporto tra i due  si era rotto), ha adottato un nomignolo pittoresco, ” … Continua a leggere

“Il pensiero itinerante” 2, a cura di Paolo Valesio
Il pensiero itinerante/Saggi/Speciali

“Il pensiero itinerante” 2, a cura di Paolo Valesio

New York, 20 gennaio 2010 Leggo nella mia posta elettronica della mostra, organizzata presso una  molto attiva fondazione culturale romana, di alcune riviste del Gruppo Universitario Fascista (GUF) pubblicate a Forlì tra il 1939 e il 1943, la cui lista  di collaboratori suona come un Almanacco di Gotha della cultura italiana: Giorgio Napolitano, Paolo Grassi, … Continua a leggere

“Il pensiero itinerante” 1, a cura di Paolo Valesio
Il pensiero itinerante/Saggi/Speciali

“Il pensiero itinerante” 1, a cura di Paolo Valesio

Manhattan, 10 settembre 2010 Il numero del New Yorker che arriverà in edicola fra tre giorni  pubblica, nell’ambito di una sua rubrica occasionale intitolata “Diari”, una scelta di brevi annotazioni scritte da Roland Barthes a cominciare dai giorni immediatamente seguenti alla morte della madre Henriette ottantaquattrenne nell’ottobre del 1977. (Egli poi sarebbe morto il 25 … Continua a leggere